CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Mal di piedi: cause, diagnosi e trattamento

Metatarsalgia e mal di piedi sono tra le varie patologie che possono colpire l’apparato locomotore, in particolar modo in età adulta. Questa malattia si manifesta con un dolore della regione plantare del piede (la pianta del piede) causato da un’eccessiva pressione da carico su una o più teste metatarsali. L’insorgenza della patologia si manifesta dallo sviluppo di un callo cutaneo (ipercheratosi) corrispondente alla sede del dolore.

Le cause del mal di piedi

In linea generale le cause della metatarsalgia sono molto numerose. Si spazia dall’artrite reumatoide al diabete, dalle malattie neurologiche agli esiti post-traumatici derivanti per esempio da fratture del piede. Tutte queste problematiche possono alterare la normale anatomia e il rapporto tra i metatarsi dando origine alla patologia. Tecnicamente queste cause finiscono con l’alterare la cosiddetta “Formula metatarsale” per la quale il primo metatarso deve avere una lunghezza simile o di poco superiore a quella del secondo metatarso, mentre dal secondo al quinto metatarso del piede occorre ci sia un’armonica riduzione delle lunghezze ossee. Quando la formula è alterata insorge la malattia.

Principali sintomi

I sintomi della metatarsalgia variano a seconda dello stato della malattia. Dapprima il paziente lamenta un fastidioso dolore della regione plantare del piede che, in fase iniziale si presenta dopo una camminata prolungata o restando fermi in piedi a lungo. Poi compare il callo plantare sintomatico, proprio in corrispondenza delle teste metatarsali coinvolte (Callo che si ripresenta anche dopo la toilette del podologo).

La diagnosi

Per effettuare una corretta diagnosi il medico eseguirà l’osservazione del passo. Da essa ricaverà dati clinici importanti come i difetti di rotazione degli arti o l’alterata distribuzione del peso corporeo sui piedi. Si possono anche valutare le aree dolorabili plantari del piede e la sede dei calli corrispondenti sintomatici. Si prenderanno in considerazione, inoltre, le mobilità ossee e si eseguiranno opportune indagini radiografiche finalizzate alla ricerca delle alterazioni ossee. Infine si procederà con i più moderni studi computerizzati baropodometrici che forniscono l’esatta distribuzione del peso corporeo sul piede indagato.

Mal di piedi e metatarsalgia, trattamento

Una volta diagnosticata la malattia ci sono linee guida alle quali attenersi. In una prima fase si utilizzeranno scarpe correttive adeguate con tacchi bassi. Si potranno inoltre eseguire esercizi per rinforzare la muscolatura del piede e della gamba. Plantari correttivi, infine, modificheranno utilmente le pressioni sulla pianta del piede. Se tutto questo non basterà a lenire il dolore si procederà al trattamento chirurgico attraverso l’esecuzione degli adeguati tipi di osteotomia (tagli ossei) correttivi: nei casi più gravi saranno più demolitivi mentre nella normalità si eseguiranno incisioni aperte. Tra le tecniche d’intervento oggi più diffuse quelle percutanee mini invasive consentono di eseguire le correzioni ossee attraverso piccole incisioni nella cute. I vantaggi estetici e funzionali derivanti da questo metodo sono significativi.

Hai bisogno di una consulenza?
Fissa un appuntamento

Chiamaci per fare un’indagine accurata della patologia, trovare la causa e individuare delle strategie di cura mirate a risolvere i tuoi problemi.

Contatti

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Scopri inoltre

Precedente
Successivo